HOME 2017-07-31T15:37:11+00:00

LE MOSTRE

HEROES – Masayoshi Sukita, Bowie e Iggy Pop

La mostra, organizzata da Puglia Sounds e allestita nel castello Svevo di Bari, ripercorre il sodalizio artistico nato nel 1977 tra il performer David Bowie - tra i migliori cantanti del mondo secondo il [...]

  • Tito Schipa - La voce e la grazia

TITO SCHIPA – LA VOCE E LA GRAZIA

La Voce e la Grazia  è una mostra multimediale nel senso più completo e che recupera più chiavi di lettura dedicata al grande tenore di grazia Tito Schipa, realizzata grazie alla collaborazione del figlio [...]

  • Apparenze - locandina mostra Castel del Monte

NINO LONGOBARDI – APPARENZE

L'offerta culturale del Polo Museale della Puglia, che unisce arte contemporanea e musica, ha inaugurato a fine aprile la mostra "Apparenze" del pittore e scultore Nino Longobardi (Napoli 1953) uno dei protagonisti della pittura italiana [...]

I MUSEI

Castel del Monte Andria (small)-photocredits to Luca Lombardi

Nel 1996 l’UNESCO ha inserito Castel del Monte nella Lista del Patrimonio mondiale dell’umanità con la seguente motivazione: “Possiede un valore universale eccezionale per la perfezione delle sue forme, l’armonia e la fusione di elementi culturali venuti dal nord Europa, dal mondo Musulmano e dall’Antichità classica. E’ un capolavoro unico dell’architettura medievale, che riflette l’umanesimo del suo fondatore: Federico II di Svevia. Agorasophia Edutainment ne gestisce i servizi di accoglienza, informazione, biglietteria, visite guidate e allestimento mostre temporanee.

Castello Svevo -Trani 13th century fort -photo credits to AdbarCastello-Svevo-di-Trani-13th-century-fort-photo credits to-AdbarIl Castello di Trani è uno dei più importanti e, nonostante le mutazioni subite, uno dei meglio leggibili tra quelli fatti erigere dall’imperatore Federico II di Svevia a tutela del suo prediletto Regno di Sicilia, ereditato dalla madre, la principessa normanna Costanza di Altavilla. La sua fondazione, su un banco roccioso di quota sensibilmente ribassata rispetto alla terra ferma e probabilmente isolato fin dall’origine, comportò la distruzione di un modesto avamposto di vedetta, una piccola torre di guardia riferibile ai secoli X – XI, rinvenuta sotto il piano di calpestio dell’attuale ingresso. Agorasophia Edutainment ne gestisce i servizi di accoglienza, informazione, biglietteria, visite guidate e allestimento mostre temporanee.

Castello Svevo di Bari

Sorto sui resti di strutture bizantine, il Castello di Bari è il risultato di varie fasi edilizie, comprese fra XII e XVI secolo. Il nucleo originario, edificato da Ruggero il Normanno nel 1131 e caratterizzato da impianto quadrangolare con torri quadrate agli spigoli, fra il 1233 e il 1240 fu oggetto di ristrutturazione da parte di Federico II di Svevia. Sono visitabili anche degli scavi con i resti di preesistenze bizantine e normanne oltre alla rinnovata Gipsoteca che conserva la straordinaria raccolta di calchi in gesso tratti dai più celebri monumenti pugliesi riordinati in tre sale al piano terra del Castello Svevo di Bari. Agorasophia Edutainment gestisce i servizi di accoglienza, informazione, biglietteria, visite guidate e allestimento mostre temporanee.

castello-svevo-gioia-del-colle-photocredits-to-Sailko

Il Museo nazionale archeologico, istituito nel 1977 con sede nel Castello Normanno Svevo di Gioia del Colle, splendido esempio di architettura federiciana in condizioni ottimali di conservazione e fruizione, si presenta oggi con una veste completamente rinnovata, sia per quanto attiene i reperti in esposizione, sia per gli apparati didattici e illustrativi. Il percorso si sviluppa fra il piano terra e il primo piano del monumento e affronta il tema “Vivere in una città della Puglia antica”. L’esposizione è concepita in più sezioni tematiche: Casa, lavoro, vita quotidiana (Sala 1); Ruoli e funzioni: i bambini, le donne, gli uomini (Sala 2); Ideologia e stile di vita (Sale 3-4-5). Agorasophia Edutainment gestisce i servizi di accoglienza, informazione, biglietteria, visite guidate e allestimento mostre temporanee.

Una sala del Museo MArTA

Una sala del Museo MArTA

Il Museo Nazionale Archeologico di Taranto o MArTA, istituito nel 1887, è un importante museo del Sud Italia, noto per ospitare la più imponente collezione di manufatti risalenti alla Magna Grecia. Il museo ha sede nell’ex convento di San Pasquale di Baylon, o dei Frati Alcantarini, costruito a metà del XVIII secolo. L’edificio è stato ingrandito e risistemato in varie fasi, a partire dal 1903, epoca della ricostruzione delle facciate su progetto di Guglielmo Calderini, mentre l’ala settentrionale è stata progettata da Carlo Ceschi e realizzata tra il 1935 e 1941.

Santa_Maria_di_colonna_Trani

Il Monastero di Santa Maria Colonna sorge, assieme ad una chiesa romanica,  su una penisola detta Capo Colonna a Trani. La fondazione di entrambi gli edifici risale primi anni dell’XI secolo ad opera di Normanno Goffredo Siniscalco. Il Monastero fu accudito fino al XV sec. dai monaci Benedettini i quali, dopo aver subito per anni le incursioni piratesche dei Saraceni che distrussero le mura più volte, lo abbandonarono e furono sostituiti fino al IXX sec. dai monaci Francescani Osservanti. In seguito alla confisca Napoleonica il complesso divenne proprietà del Comune che lo adattò a lazzaretto, durante la pestilenza, poi come caserma militare ed infine, dopo l’ultima guerra Mondiale, come colonia estiva per i bambini.

Agorasophia Edutaiment ne è recentemente divenuta assegnataria della gestione dei servizi integrati.

  

L’interazione del pubblico

  • Arkimedeion-interazione pubblico
  • Arkimedeion-interazione pubblico
  • Arkimedeion-interazione pubblico
  • Arkimedeion-interazione pubblico
  • Arkimedeion-interazione pubblico

Perché scegliere noi

Team esperto di elevata competenza 94%
Passione e rispetto per la cultura 100%
Impegno costante nel migliorare 96%
Tecnologia al servizio delle idee 85%
Cura del cliente, culto del visitatore 100%
Tutti i testi (ad eccezione delle citazioni), i video e le immagini presentati nel sito sono contenuti originali e i loro diritti di utilizzo sono strettamente riservati ad Agorasophia Edutainment S.p.A. e/o eventualmente delle sue consociate o ai rispettivi autori che ne hanno temporaneamente concesso l’utilizzo a scopo divulgativo: per tali motivi nessun utilizzo, estrapolazione, copia effettuata con ogni mezzo o modifica è permessa senza un’esplicita autorizzazione scritta. Tuttavia un numero limitato di immagini presentate nelle gallerie fotografiche sulla Home e in alcune pagine interne del sito sono licenziate tramite Creative Commons. La lista degli autori, delle specifiche licenze e dei lavori derivati – che si rilasciano con medesima licenza – si trovano nella sezione dedicata individuabile nel footer o cliccando direttamente qui.